Padre Enzo Fortunato

Click to accept cookies and enable this content

In vista del 12 e 13 aprile, iniziamo col presentarvi il primo partecipante de I Dialoghi del Pronao: Padre Enzo Fortunato, con noi a Sessa Aurunca per la presentazione del libro "Francesco, il ribelle".Padre Enzo Fortunato, giornalista e direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, del mensile San Francesco Patrono d'Italia e del portale sanfrancesco.org. Frate minore conventuale di Assisi. E' stato professore presso la Pontificia Università Antonianum, l'Istituto Teologico di Assisi e la Pontificia Facoltà Teologica San Bonaventura. Padre spirituale dei giovani postulanti dal 1995 al 2004. Ha ideato la collana "Orientamenti formativi francescani" edita dal Messaggero. Nel marzo 2012 con il volume "Siate amabili", prefazione del Cardinale Gianfranco Ravasi, riceve il premio internazionale di giornalismo "Biagio Agnes". Per l'edizioni Mondadori nel 2014 pubblica "Vado da Francesco" e nel 2018 "Francesco il ribelle".Dirige dal 2005 la rivista "San Francesco patrono d'Italia", edita dai frati del Sacro Convento di Assisi, che in sei anni di lavoro passa da 29.000 a 100.000 copie. Il mensile contiene pagine di francescanesimo tradotte in inglese e arabo ed è pubblicata anche in cinese e braille. Tiene seminari e conferenze in Italia e all'estero su francescanesimo e comunicazione. E' stato collaboratore dell'Osservatore Romano e scrive per Avvenire, Corriere della Sera e La Repubblica. Da giugno 2011 tiene una rubrica che va in onda ogni sabato mattina alle 8.20 su Rai1 dal titolo "Tg1 Dialogo". Conduce anche su Radio Rai1 "In viaggio con Francesco" in onda la domanenica alle 10.35.Delicate e significative le sue missioni per progetti umanitari e di solidarietà nella ricerca della pace e del bene comune in: Brasile, Cina, Colombia, Cuba, Egitto, Giordania, India, Iraq, Kenya, Messico, Norvegia, ONU, Palestina, Perù, Russia, Stati Uniti America, Sri Lanka, Tibet e Panama. #padreenzofortunato

Pubblicato da I Dialoghi del Pronao su Martedì 26 febbraio 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *